lunedì 8 aprile 2013

The Wine Experience Vinitaly 2013

genuinefranciacortown

franciacorta

franciacorta

vinitaly

franciacorta

franciacorta vino

vino vinitaly

vinitaly

vinitaly

vinitaly

Eccomi tornata dal Vinitaly 2013...Esperienza interessante come sempre, sotto tutti i punti di vista. Partiamo innanzitutto dal vino, ovviamente protagonista...Ne è stato bevuto parecchio, questo è certo, soprattutto a giudicare dalle tante facce "assenti", dalle camminate piuttosto incerte, e dai tanti sonnecchiatori sparsi qua e la...Atmosfera rilassata, una sorta di fuga dai problemi di tutti i giorni, quindi animi allegri (in tutti i sensi) e voglia di positività..Almeno questa è stata la mia impressione....
Ovviamente non potevo non iniziare dal padiglione Lombardia perchè li c'è il settore Franciacorta, con la maggior parte dei produttori dell'area che come ogni anno, e non so poi se in realtà ho ragione o torto ma lo sviluppo e la crescita esponenziale delle cantine mi indirizzerebbe sulla ragione, viene presa d'assalto per lo più per le famose bollicine (ma diciamolo piano, non si dovrebbero chiamare così ma noi lo facciamo comunque) famose e apprezzate in tutto il mondo. Dei miei pochi assaggi, che vengono effettuati umilmente solo sulla base del mio personale gusto, ho aggiunto alle mie preferenze, Le Marchesine, Ferghettina, Villa e Montedelma (dove ho assaggiato solamente il Satén).
Per quanto riguarda le altre regioni, abbiamo avuto il tempo di fare solo un breve giro, e abbiamo assaggiato cose interessanti, tra cui un liquore al pistacchio, delizioso, nel padigione Sicilia....
A differenza dello scorso anno, ho notato anche una crescita "culturale", se così la vogliamo definire, del visitatore medio del weekend...(anche se il numero di quelli che partecipano solo per prendere una sonora ubriacatura non diminuisce mai)
Di nuovo grazie a Bosio Franciacorta per avermi invitato e ospitato al loro stand, e se siete a Vinitaly in questi giorni passate da loro per un'assaggio..


I am back from Vinitaly 2013 ... Interesting experience as always, from all points of view. Let's start first with wine, of course, the protagonist ... I was drinking a lot, that's for sure, especially judging by the many faces "absent" from walking rather uncertain, and many people who slept scattered and relaxed atmosphere ... , a kind of escape from the problems of everyday life, and happy souls (in all senses) and desire to positive .. at least that was my impression ....
Obviously I could not start with them because there is a pavilion Lombardy Franciacorta area, with most of the producers of the area as every year, and then I do not know if I actually right or wrong, but the development and exponential growth of I would address cellars on reason, is assaulted mostly for the famous bubbles (but let's face up, you should not call it that but we do it anyway) famous and appreciated all over the world. Of my few samples, which are made humbly only on the basis of my personal taste, I added to my preferences, Marchesine, Ferghettina, Villa and Montedelma (where I tasted only Satén).
As for the other regions, we had the time to do a short tour, and we tasted some interesting things, including a pistachio liqueur, deliciousin pavilion Sicily ....
Unlike last year, I noticed a growing "cultural", so if we want to define, the average visitor of the weekend ... (although the number of those who are only involved to make a sound drunk never decreases)
Thanks again for inviting me to Bosio Franciacorta and hosted at their booth, and if you are at Vinitaly these days go by them for a taste ..